Day–By-Day // Slaves Of Love And Bones wth The Exploders Duo Live @Meet Eventi (04-01)

4 January, 2016

A cura di Stefano Nappa e Domenico Porfido
12022510_896974113725173_7727969331925153103_o


Gli Slaves of love and Bones nascono nel 2013 ad Avellino. Il primo lavoro è “Liar“, concept album autoprodotto, in cui Daniele, Riccardo, Raffaele e Luca sintetizzano sapientemente e rabbiosamente le proprie esperienze. “Liar”, come da titolo, parla, sotto diverse sfaccettature, della grande bugia che coinvolge le esistenze di tutti. La band, quasi sin da subito, calca palchi importanti, finendo anche sul main stage del Taurasi Festival (AV) e aprendo band del calibro di Foja e Management del dolore post-operatorio. I SOLAB, negli ultimi tempi, sono profondamente cambiati, spostandosi verso sonorità elettroniche che, però, conservano la rabbia, la potenza e gli interrogativi di sempre. Importante, per l’esplorazione di questi nuovi territori, è il nuovo membro, Claudio, già chitarrista e producer di diversi progetti (Lies, Signal! Signal! ecc.), sempre proiettato verso la ricerca e la sperimentazione di nuovi suoni. Ed è per questo che il loro nuovo disco “Real fake music” (Imakerecords, 2015) è una mina che non potete assolutamente perdere, astratto ma diretto quanto basta. Il loro primo videotape, che qui vi proponiamo, ripercorre uno dei temi principali del disco: il cambiamento dei rapporti umani nell’era della cultura digitale, l’assenza dei corpi, l’incomunicabilità dei nuovi media, l’invisibilità dell’umano nel mondo contemporaneo.


 

THE EXPLODERS DUO

IMG_2150


 Se il blues della chitarra di Gabriele fosse un fucile allora Daniele morirebbe ad ogni inizio brano, il problema… si! c’è un problema seguito da un colpo di scena alla Tarantino… quest’ultimo, con la sua tecnica alla Hattori Hanzō, incassa ogni proiettile blu a tempo e quando risponde “on the drums” diventa un match più emozionante di “The Trilla In Manila”. A volte la si “Spara Grossa” ma quando loro sono sul palco, voi, potreste innamorarvi di un’esplosione musicale e visiva quasi come immaginare il volto della donna più bella del mondo, simile a quello di Iris”.

Ma il “Paradigma” personale della vita a volte è anche restare in attesa di un brano che restituisca alla musica… la “giacca di Carmen”.
Bad News in città, nella capitale “questi vi fanno l’EP”, che genera  l’energia con cui muovervi nello spazio e nel tempo per una notte intera. Fossi io il gestore del locale inizierei già a chiedere uno sconto sulla bolletta dell’elettricità.

Avviso ai Naviganti: il loro EP, uscito vincendo un contest per la rivista Rolling Stone Italia e Dr. Martins, registrato alla SAE Istitute, lo potrete scaricare semplicemente cliccando qui.Durante la serata potrete finalmente acquistare una copia fisica del loro bellissimo progetto.


SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: