DAY_BY_DAY_2 // Sonic Subsidence (27-09)

27 September, 2015

Dopo la bellissima serata di ieri, il SONIC SUBSIDENCE continua la sua corsa verso l’arrivo con degli artisti che … che te lo dico a fare!! cit. 

Donato Dozzy

010711-251


Donato Scaramuzzi aka Donato Dozzy è uno dei DJ e producer italiani più importanti e rispettati in ambito techno (e non solo), con una lunga carriera caratterizzata da uno sviluppo lento e progressivo, segnata dal 2004 in poi da tanti 12”, pubblicati in solitaria o in varie collaborazioni, e culminata nella risonanza avuta con il progetto Voices From The Lake. Nato a Roma nel 1970, D.D. sviluppa presto la passione per l’hip hop, il dub e la disco (frequentando il mitico Piper ai tempi di Peter Micioni), per poi rimanere folgorato alla fine degli anni ottanta dalle nuove sonorità acid house e techno. Nel 2004 Donato si trasferisce a Berlino, e praticamente da subito è resident DJ del Panorama Bar, dove si specializza in lunghi afterhour, sviluppando sul campo il suo personale approccio ipnotico e trance-inducente. Nel giugno del 2014 Dozzy firma (con il supporto tecnico di Neel) 12h, un’installazione sonora presso il Ponte della Musica sul Tevere: per una settimana, per dodici ore al giorno, l’architettura del ponte viene immersa in un “paesaggio acustico denso di suggestioni e di riferimenti culturali e musicali”. Preparatevi quindi a perdere la percezione spazio temporale durante il suo set.


Retina.it

13793141313_979237fe5a_h


Essere i pionieri nella musica – e di un “sound” particolare – in Italia è un po’ come mettere la propria firma musicale su di un contratto per attraversare il “Miglio Verde”. La costanza, però, prima o poi premia: ed ecco che il suond, ad un certo punto, non può non esser notato:come nel caso di Retina.it.
La loro ricerca sonora si muove attraverso registrazioni ambientali o di suoni d’oggetti, con l’aggiunta di synth modulari e digitali: ed è proprio questa formula ad averli portati a condividere i palchi di festival internazionali (quali ad esempio Störung, Sònar….) con artisti dal calibro di Kraftwerk, Matmos, Telefon Tel aviv, T.A.G.C., Rechenzentrum, Oval, Noto, Frank Bretschneider, Plaid, Apparat, Biosphere e moltissimi altri. I loro lavori sono stati pubblicati da etichette internazionali; e vantano anche la collaborazione con artisti del calibro di John Hughes, Marco Messina, Claudio Sinatti, Gabriella Cerritelli, Giorgio Li Calzi, Red Sector A.


 

Subion

10612616_629251470506698_7828268380352359922_n


Progetto raro nato agli inizi del 2013 tra Pier Giuseppe Mariconda e Nicola Virnicchi. Il loro sound percorre una strada oltre  la concezione del dancefloor dentro una techno oscura e mentale, profonda ed infinita come lo spazio che ci circonda. Da qualche mese è uscito il loro primo 12” “ELIOGABALO” per la label Blackwater con una traccia sviluppata in collaborazione con il duo campano Retina.it. Don’tttt sleepppp on thissss !


Gamino

10426635_772464552813676_861044592170855727_n


Musicista, producer, titolare del Q-ZONEstudio, e mentore per molti artisti dell’underground campano. I MOUproject profumano del suo suono, sopratutto quando nel 2002 vinsero il festival Arezzo Wave. Una colonna  storica del duo JAMBASSA, Co-fondatore di FLUSSI new media arts festival, collabora A&R per AQUIETBUMP, net–label irpina dedita al dub e che viene attualmente identificata come una delle label on-line più influenti del panorama net-audio, occore sapere altro??? Il suo dj set è un viaggio attraverso groove che portano in un’altra dimensione, colori cangianti di una musica fatta di ritmi elettronici dal sapore dub e techno con incursioni nei territori più vari dell’ EDM. Downbeat deep techno per i vostri cuori.


Dirton

20878_1026367114057645_8160343955279721538_n


Ventitreenne ai più noto come Lorenzo Orlando , nasce il 25 dicembre del 1991 a Pompei (NA) prima che le mura antiche iniziassero a crollare. Si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Napoli dove frequenta il corso di laurea in Nuove Tecnologie dell’Arte; contemporaneamente si avvicina al Web Design prendendo parte a numerose lezioni e dimostrazioni pratiche presso l’ILAS di Napoli. È fra gli artisti più giovani ad essersi esibito sull’affermato palco del PompeiLab. Dopo la pubblicazione di vari EP, si concentra su lavori digitali ben oltre la semplice elettronica. Dirton, infatti, fonde i suoi personalissimi suoni con i generi più disparati. Il suo sostrato hip hop gli permette un approccio diretto e coinvolgente con il pubblico. Nei suoi lavori, che propone anche tramite la pagina tumblr Dirton Archive (che coinvolge anche altri artisti locali), non piove mai, l’estate è uno stato mentale


 

Errori in Partitura

11062940_667423326734904_4663520655633123618_n


Errori in partitura è il progetto di Rino Petrozziello, classe 1990, artista multimediale e musicista irpino. Laureato al corso di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, realizza software per musica sperimentale, live visuals, sistemi interattivi e installazioni, come Kitchen, presente anche nei due giorni del Sonic Subsidence. La sua musica tende a fondere diversi stili come ambient, glitch, microsound e IDM in un unico calderone, un vortice di algoritmi e glifi sonori, una sintesi compositiva cerebrale, penetrante, vellutata, di atmosfere distorte e post-industriali.


Francesco Tignola

11999055_477375559091215_5269920893995957138_nProduce musica sotto diversi pseudonimi, in solo (Elisha Morningstar) e in duo con Matteo Castro (Drug Age) e Giuseppe Esposito (Matar Dolores). I suoi suoni sono astratti, forti, densi. Vanta live in mezza Europa.  Dal 2009 dirige l’etichetta Joy De Vivre.


http://www.joydevivre.it/


The delay in the universal loop

 


 The delay in the universal loop è il progetto del ventenne Dylan Iuliano. Ha pubblicato due album: Disarmonia (2013, per Factum Est, Jestrai, in Italia e Dilated Time, Dallas Distortion Music negli USA) e Split Consciousness (Moon Sounds Records per CD/vinile/digitale e Dilated Time/Cemetery sisters per cassetta), uscito negli States il 7 Luglio. Ha suonato più di 30 date fra Europa e America nell’ultimo anno. I suoi suoni minimali, i suoi synth esplosivi sembrano mettere d’accordo tutti: “The Delay In The Universal Loop è il progetto musicale di Dylan Iuliano, ventenne campano che sta spaccando tutto in giro per l’universo. Stavolta ci troviamo di fronte a un lavoro solido e costruito attorno a un’estetica individuale che non ha paura di mostrarsi in ogni suo angolo, e questa sfrontatezza premia perché il risultato è magistrale. ” NOISEY/VICE. A Febbraio è stato pubblicato il primo singolo dall’album, “Texan Daylight” , con un video diretto da Logan Owlbeemoth (che ha girato video per Gary Numan, tra gli altri)

SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: