D_B_D // Techno Culturae pres. David Meiser & Oliver Kucera

31 March, 2016

Dopo la trasferta a Berlino all’M-Bia Club, Techno Culturae ritorna in patria, sabato 2 aprile, con due artisti d’eccezione:
David Meiser, primo artista spagnolo ad essere remixato dal Barone Rosso Dave Clarke e Oliver Kucera, già arrivato a festival di risonanza mondiale come l’Awakenings.
A completare la serata ci saranno i classici ATProject, con un live pieno di energia e l’affermato dj campano Juan Carlos.
Techno Culturae è tornata. Ora più che forte che mai.


Location // Baroo Disco Club, Via Fortunato Giustino 25, Baronissi (SA) – info@baroo.it

David Meiser

Schermata 2016-03-31 alle 14.21.43


David Meiser concepisce la techno come incontro tra la parte razionale e la parte primitiva ed emozionale della mente.
La techno circonda tutto il passato e tutto il futuro di ogni rituale forma ritmica, e questo lo spagnolo la sa bene se i suoi lavori furono scelti
da Dave Clarke per la sua top ten del 2013 e furono supportati anche da Oscar Mulero, Surgeon, Exium, Christian Wunsch, Black Asteroid, Claude Young, Ritzi Lee.
Ma è nel 2014 che avviene il punto di svolta: Dave Clarke remixa un suo b2b con Black Asteroid, diventando, così, di fatto, il primo artista spagnolo ad essere remixato dal Barone Rosso.

Tutti carichi sottocassa.


Oliver Kucera

Schermata 2016-03-31 alle 14.30.01


Nato in Spagna, cresciuto tra Praga ed Amsterdam, Oliver Kucera sa bene come ipnotizzare il pubblico con i suoi strumenti analogici e controller midi.
Dopo aver suonato in festival e club, nazionali ed internazionali, è diventato inarrestabile. Il suo talento è già stato apprezzato da Miss Djax tanto da diventare una delle punte di diamante della Djax Up Beats e da suonare a eventi di importanza mondiale come l’Awakenings.


ATProject

10670220_736775769744759_4065089380975041271_n


Il duo ATProject nasce dalla fusione di due dj emergenti ad Avellino: Raffaele Landi e Giulio Cini, entrambi classe ’85.
Sia l’uno che l’altro coltivano la passione per la musica techno fin dall’adolescenza. Raffaele comincia presto a suonare nei club locali sotto il nome di Raftek.
La sua voglia di migliorarsi lo porterà a conseguire il titolo di Sound designer nel 2009.
Giulio Cini proviene dalla musica house e, negli anni, ha sviluppato un sound inconfondibile, matrice anche del suo progetto solista. Le due anime diverse riescono ad amalgamarsi adeguatamente riuscendo a far ben emergere una techno vecchia scuola, levigata da suoni moderni.
Nel 2009 l’organizzazione Hardfactory porta ATProject a suonare con i più grandi artisti internazionali della scena techno: D.A.V.E. the Drummer, Chris Liebing, Ben Sims, Pet Duo, Frank Kvitta, Eric Sneo, Joseph Capriati, Oscar Mulero, Reeko etc.
La visibilità e il successo fanno sì che la loro musica sia apprezzata su tutto il territorio nazionale, in alcune delle location più importanti d’Italia: Old River Park (Napoli), Duel Beat (Napoli), Rashomon (Roma), Link (Bologna).
Il loro primo album, “Southern”, è pubblicato dalla Putz Rec, etichetta brasiliana molto conosciuta oltreoceano.
Nel 2011 creano una partnership con un altro grande dj italiano, DJ Saimon, con il quale oltre a produrre molte collaborazioni di qualità divengono proprietari nel 2014 di una etichetta discografica dal nome Kevòd Audio.
Oggi, Raffaele e Giulio sono gli ideatori dell’organizzazione Techno Culturae.


Juan Carlos

Affermato dj nella techno campana, chiuderà la serata con il suo inconfondibile gusto musicale.



SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: