The Gift Of Gab / Vol.12

26 December, 2014

shaqcopL’Nba, oltre ad essere il campionato più bello del mondo, è anche un grosso business, uno show da guardare a casa con gli amici in qualunque momento. Ma, se c’è uno show, deve esserci per forza anche un conduttore che guida il programma. Ecco, dal 2000 in poi, se parliamo di entertainer, può venirci in mente il solo ed unico Shaquille O’Neal. Difficilmente non ne mai avete sentito parlare ma, se fosse così, vi elenco un po’ le sue caratteristiche: alto 2.16 metri per un peso che varia dai 130 fino 190 kg ed un bel 57 di piede, ha vinto 4 titoli in 19 stagioni. A parte il suo palmerès, stiamo parlando del giocatore più dominante a livello fisico nell’intera storia dell’Nba: per gli avversari era una continua tortura marcarlo a causa della sua stazza. E pensate che non si è mai voluto mettere in forma, tranne quando seppe che il suo allenatore sarebbe stato Phil Jackson. E allora giù con 3 ore di flessioni e addominali al giorno ed infatti, sostanzialmente, quell’anno non c’è stata storia. Ma uno così doveva per forza avere qualcosa che non andasse. Ed infatti “The Big Diesel” si è fatto riconoscere dovunque mettesse piede. Pensate che, ogni volta che andava in un locale, quando adocchiava qualche bella ragazza, gli passava un biglietto da visita col suo numero; tutto normale, se non per il fatto che affianco ci fosse sempre la moglie e, a chi glielo facesse notare, rispondeva con un semplice: “Pff, si vabbè, dettagli”. Ad ogni All Star Game a cui partecipava aveva la tradizione di portare sempre un tipo di scarpa diversa: a quella del 2003 portò una scarpa telefono, a quello del 2005 un scarpa con delle ruote e quelle del 2006 una scarpe che fungeva da slot machine. Potremmo stare a parlare qui ore ed ore di Shaq. Ma l’episodio che mi piace di più è questo: ritiratosi dall’Nba, O’Neal decise di fare lo sceriffo, come aveva sempre detto tra l’altro. Siamo al primo giorno di lavoro e da apprendista sceriffo “The Big Aristotele” prende la testa di un criminale e la infila nella tazza del water. Lo sceriffo lo ferma e gli dice: “Non andiamo bene così, devi prima almeno elencargli i suoi diritti!”. Risposta epica di The Big Diesel: ”Quali diritti?!?! Io sono Shaquille O’Neal!!”. Shaq, like no other. I LOVE THIS GAME.

P.S. O’Neal, dopo poco tempo, ha abbandonato il lavoro da sceriffo per sposare la carriera da cronista/opinionista per l’Espn. Cura un rubrica molto particolare, chiamata Shaqtin’ a fool. Guardatevi un paio di puntate, giuro che non ve ne pentirete!


 

SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: