Track Of The Day // Dikembe!

4 January, 2016

Se il disco dei Pubblic Enemy – It Takes a Nation of Millions to Hold Us Back non fosse arrivato ad ACCRA, in GHANA oggi non avremmo mai sentito parlare di Blitz The Ambassador. Probabilmente se Dikembe Moutombo non avesse scavalcato i muri dell’ambasciata amaricana a Kinshasa, nella repubblica democratica del Congo, per ammirare i movimenti di Hakeem Olajuwon (il primo africano nella NBA) in TV non avremmo avuto uno dei difensori più energici e decisivi della “Naismith Memorial Basketball Hall Of Fame”. Il filo che li lega è induscutibile anche se i due forse, non si sono mai conosciuti nella vita reale.
Blitz al suo nono lavoro ha voluto rendere omaggio ad un personaggio che ha influenzato ed ha dato un sogno ai ragazzi meno fortunati di quella fetta del globo. La determinazione con cui Dikembe andava su a stoppare  il tiro dell’avversario è identica a quella di Blitz che si manifesta quando impugna il microfono. Il primo si distingueva peró, da tutti gli altri giocatori della sua stazza, perchè dopo la stoppata seguiva una sorta di “trash talk” prononciàto dal suo vocione come: -Not In My House!- con l’aggiunta del dito indice in movimento. Infatti questo slang, Blitz, lo usa nel pezzo come una figura retorica nel ritornello: No No No No DIKEMBE!!!.
Il brano è bellissimo, in due strofe si assapora una parte del suo molteplice talento che rispecchia la cultura africana nella prima e quella “from Brooklyn” (dove vive ora) nella seconda.
Recuperate ogni suo disco perchè ne vale assolutamente “il prezzo del biglietto” usando un termine sportivo…

Because: -“The African attack, Yese wo kum apim a Apim beba, chale koko da, Let Me traslate, You can’t fuck with us!-“.


Bonus Album

Bonus Tracks


 

SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: