Track Of The Day // I Can’t Escape Myself.

15 October, 2015

La terra d’Albione tra la fine degli anni 70 e per tutto il decennio successivo ha partorito una miriade di band che possono essere ricomprese nel vasto fenomeno che è stato il post-punk. Tra i gruppi cardine di questo movimento, oltre ai soliti nomi altisonanti, ci sono i The Sound. Dal 2000 in poi questo filone musicale ha vissuto una “seconda giovinezza” e tra coloro che hanno maggiormente influenzato il post-punk revival vanno inseriti, senza se e senza ma, i quattro londinesi capitanati da Adrian Borland.
Pubblicano Jeopardy, il primo album, nel 1980 per la Korova Records. Fu un flop e nonostante la critica si fosse schierata tutta dalla loro parte non ebbero il successo che avrebbero meritato e che nessuna ristampa gli potrà mai tributare. Provate ad ascoltare questo album, provate ad ascoltare gli Interpol dopo aver ascoltato questo album e lo spazio vuoto accanto al poster di Ian Curtis appeso alle pareti della vostra camera sarà occupato da quello di Borland.
“I Can’t Escape Myself”  è il brano che meglio rappresenta questo gruppo, è il manifesto della band e una tragica profezia circa le sorti del suo leader. Ogni volta che l’ascolto o che mi capita di vedere la copertina dell’album penso a “π – Il Teorema del delirio”, film del 98 di Aronofsky. L’esecuzione di Borland, chitarrista ma soprattutto voce del gruppo, è magistrale, il pezzo, all’epoca dell’incisione, non lo stava interpretando ma vivendo.


“I’m sick and I’m tired of reasoning,
just want to break out, shake off this skin…
but I can’t escape myself  ///  sono nauseato e stanco di pensare, voglio solo uscire,
scrollarmi di dosso questa pelle… ma non posso scappare da me stesso”
.


Agli inizi dell’88 il batterista Mike Dudley decise di abbandonare il gruppo perché Borland, a causa delle sue crisi depressive, non era in grado di salire su un palco e di lì a breve fu seguito dal bassista Graham Bailey e dal tastierista Colvin Myers. Malgrado i problemi di salute Borland decise di intraprendere la carriera solista, pubblicò cinque album, non riscosse  successo ed il 26 Aprile del 1999 la sua malattia che non gli permise mai di scappare da se stesso lo portò al suicidio.


 

Bonus Track


SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: