YOU TALKIN’ TO ME? WHO THE FUCK DO YOU THINK YOU’RE TALKING TO? // Go!Zilla

22 June, 2016

Abbiamo avuto l’ occasione di fare qualche domanda ai grandissimi GO!ZILLA
a pochi giorni dal loro live al Mas Fest previsto per il 25 giugno, seconda giornata del coraggioso Festival avellinese.


13445664_1026915377405537_4567692337148513714_n


La band fiorentina composta da Luca Landi, Mattia Biagiotti,
Fabio Ricciolo e Niccolò Odori ha all’attivo due LP
uno più bello dell’altro e diversi EP,
ha suonato in ogni dove in giro per il mondo ed è a lavoro
su nuovo materiale che non vediamo l’ora di ascoltare.

Qui l’ intervista.


Schermata 2016-06-22 alle 13.06.09


A quali band vi sentite più vicini? 


A livello musicale ci piace sicuramente condividere il palco con amici musicisti della nostra “scena” divisa tra amanti del rock, musica psichedelica, garage o anche sperimentale.


C’è qualche gruppo italiano che amate?


Movie star junkies sono indubbiamente tra i più interessanti, martedì suoneremo con gli Appaloosa, nostri amici livornesi. Ci sono molte realtà che stanno crescendo e che meriterebbero più spazio, indubbiamente.



Vi piace Ty Segall?


(Luca) A livello personale mi piaceva più prima, quando si ispirava ai Nirvana, le ultime  sue uscite musicali non le ho trovate così interessanti, si sta un po’ ripetendo, forse ha mancato la svolta pop che l’ avrebbe potuto consacrare o forse non gli è mai interessato.. 


Ve lo chiedo perché credo di aver notato una certa “assonanza”..
ce la 
confermate ?


Forse 1/2 canzoni sono più avvicinabili al suo filone musicale, quelle dove si usano gli accordi maggiori nei ritornelli e si spinge di Fuzz, ma in linea generale non scriviamo ispirandoci a lui. 


C’è un vostro brano a cui vi sentite particolarmente legati ?


Ad oggi Magic Weird Jack è quello che non ci stanca di eseguire dal vivo!



Quanto pensate di essere cresciuti e cambiati rispetto al 2013,
anno del vostro debutto con 
Grabbing a Crocodile?


A livello numerico prima di tutti eheh, eravamo in 2 e ora siamo in 4, ma anche le idee sono cambiate, vogliamo scrivere brani più elaborati e meno diretti, stiamo cercando una via di scrittura nuova. 


Qual è il vostro live che ricordate con più piacere?


Il primo Binic Blues&Folk festival che ci ha lanciato in Francia, ne saremo sempre grati, suonammo davanti a circa 5.000 persone e da lì in Francia sono cambiate le cose radicalmente.


Cosa vi aspettate dal Mas Fest?
E , soprattutto, cosa dobbiamo aspettarci dalla vostra esibizione ?


Ne abbiamo sentito parlare molto bene soprattutto per la scelta coraggiosa a livello di lineup, non solo del festival, ma quanto di tutta la scena alternativa avellinese.
Sono gli ultimi concerti prima della scrittura del nuovo album stiamo cercando di creare un ponte tra ciò che era il suono di prima e ciò che sarà in futuro senza snaturarci.



Come nasce un vostro brano? 


Da un idea accordi/voce o riff di chitarra poi si va in studio ad eseguirla insieme per crearne la struttura, si fanno dei provini e si elabora una produzione fin quando non si porta sul palco live, e anche li subisce delle evoluzioni, chi esegue i propri brani live senza dare una sfumatura diversa alle proprie stesse canzoni, non regala niente in più a chi ti viene a vedere.



C’è qualche aneddoto collegato ad un pezzo
in particolare che ricordate con 
piacere ?


L’ultimo brano di “Sinking in Your Sea”, Xilitla nasce come concept dopo aver visitato e “vissuto” questa località nel mezzo della jungla messicana, le ritmiche tribali ci hanno indubbiamente accattivato talmente tanto da sentire il bisogno di partire da queste basi per le nostre prossime produzioni.



Siete consapevoli di essere una della
band italiane migliori degli ultimi anni? 


(Luca) se devo essere modesto ti dico “grazie, apprezzo molto”, se devo essere sincero ti dico “si ;)”.


Quanto conta il punk nella vostra produzione musicale?


Nessuno di noi è un fun del punk come Movimento musicale ma quanto come Attitudine sul palco, intesa come: dare tutto, trasmettere energia e creare un rapporto col pubblico di interscambio.


Vedreste bene la vostra musica come colonna sonora di un film? 


Considerato che Tarantino da sempre spazio a Band semisconosciute, punterei sul suo prossimo film.


Come descrivereste la vostra musica
ad una persona che non ha mai sentito parlare di voi?


Se è italiana gli direi “facciamo rock e che tu ci creda o meno abbiamo suonato in tutto il mondo senza essere famosi o aver dovuto scendere a compromessi di nessun tipo con nessuno”



 

SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: