It’s GAAAMEEE TIME // NCAA MADNESS: Coach John Wooden.

7 March, 2015

“Success is never final, failure is never fatal. “


23_16012_lgSiamo a Marzo e dall’altra parte dell’oceano, -MARZO- significa -March Madness”-. Ho da poco finito a malincuore con molte difficoltà, un libro sul leggendario John Wooden e la prima cosa che ho percepito è stato un insegnamento nella lettura del gioco chiamato “Basket”. Non è stato solo un vincente ma anche un padre ed un’ insegnante dello sport di cui stiamo parlando. Oggi siamo nel 2015 e per parlare di lui dobbiamo tornare indietro di un po’ di anni, in quella fetta di tempo tra 1946 ed il 1975 però solo per  quanto riguarda il “coaching time” perché l’eredità che ci ha lasciato non avrà mai fine. Per rispetto non lo chiamo nemmeno con il suo soprannome che odiava ma 620 partite in 27 stagioni e 10 titoli NCAA durante le sue ultime 12 stagioni, tra cui sette di fila tra il 1967 ed il 1973, vanno ben oltre la magia (ndr: nickname is Wizard of Westwood).
Questa non è una storia da campetto, qui si parla d’insegnare l’amore verso la vita e ciò che si vuole essere fuori da quel campo delimitato da righe bianche verticali ed orizzontali.
A bordo campo con gli occhiali sempre sul naso con qualcosa di arrotolato sempre nella mano destra, dal quaderno degli schemi al foglio con gli accorgimenti da apportare durante il secondo tempo di ogni partita che ha allenato.
La piramide del successo da lui introdotta nella sua prima seduta di allenamento è letteralmente un “Karma” filosofico per vivere il quotidiano non è una semplice scalata di obbiettivi per raggiungere “THE TITLE for ONE year!”.


“A coach is someone who can give correction without causing resentment.
Don’t measure yourself by what you have accomplished,
but by what you should have accomplished with your ability. “


Grazie ad internet possiamo vedere le ultime due finali che ha disputato come allenatore alla UCLA. Queste due Final non sono adatte ai deboli di cuore ed hai nerd supremi con opinioni in HD… perché ovviamente parliamo di: Memphis State vs UCLA | 1973 e UCLA VS KENTUCKY  | 1975. Per Kareem Abdul-Jabbar (Lew Alcindor) e Bill Walton è stato anche come un padre ma anche Lucius Allen , Mike Warren , e “Lefty” Lynn Shackelford con Sidney Wicks , Henry Bibby (padre di Mike Bibby) , Curtis Rowe e John Vallely vi direbbero lo stesso.


Schermata 2015-03-07 alle 16.04.53


Il “System Coach” che usava JW ancora oggi è usato in molte occasioni per quanto il tempo poi abbia cambiato la pallacanestro. Chiedete a Phil Jackson se conoscesse il “Low Post Offense” quando con il maestro “Tex Winter” allenava i Chicago Bulls di Michael Jordan o ai Lakers di Kobe Brayant… solo che John lo usava per Kareem Abdul-Jabbar, che sistematicamente one on one sul lato o segnava in gancio cielo o schiacciava senza “trash talk” perché a Wooden non piaceva questo tipo di slang del gioco. In questo primo GAME TIME, dedicato a questo splendido amore verso il college basketball ci andiamo a rivedere le finali del 1973 e del 1975 con un saluto ed un bel “grazie” a JW.


“I think the teaching profession contributes more to
the future of our society than any other single profession. “


Schermata 2015-03-07 alle 16.05.48


 1973 NCAA Championship Game Memphis State vs UCLA

1975 NCAA Championship Game UCLA VS KENTUCKY


SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: