POV // AIRWAY

15 September, 2015

La nostra sarà un’intervista atipica.
Un’intervista visiva.
Oggi ospite della rubrica Point Of View: Airway


Per descrivervi al meglio questi quattro ragazzi di Treviso, non possiamo fare altro che farvi sentire il loro nuovo singolo “Tutto Bene” che anticipa l’uscita del nuovo album “Aldilà”. Un rock duro e acre, arricchito da una voce potente e testi in italiano, insomma cliccate play senza troppe domande.


•Come sintetizzereste voi stessi, la vostra musica con una foto? Quali sono gli oggetti da cui non vi separereste mai e che riescono a sintetizzare al meglio ciò che rappresentate?

Si tratta di un quadro dipinto da Magritte: “L’impero delle luci”. Dentro questo quadro c’è la luce ed al tempo stesso l’oscurità: una perfetta sintesi della nostra musica e dell’energia che gira all’interno della nostra band.

In questo quadro la luce è tendente all’infinito, mentre l’oscurità è rilegata sulla terra; inutile dire che cerchiamo di protrarci verso l’infinito tramite il mezzo musicale che diventa un modo per sfuggire all’oscurità terrestre che in questo secolo sta diventando molto pesante.

12003239_10208315738997906_8350080896404538144_n


• Quali sono i dischi e gli artisti che vi hanno maggiormente influenzato e perché?

Come band non abbiamo dei dischi che ci hanno influenzato in modo particolare. Diciamo che ognuno di noi ha degli ascolti molto differenti che poi trovano dei punti d’incontro all’interno del nostro percorso musicale. Amiamo cercare di fare le cose di testa nostra senza farci troppo influenzare dalle sonorità dei gruppi che ascoltiamo e speriamo di esserci riusciti almeno un po’. Comunque possiamo capovolgere la domanda rispondendo con i 5 dischi che vorremmo consigliarvi, mi viene più facile pensarla così:

•C.S.I. – Tabula rasa elettrificata (mistico e rock al tempo stesso)

tabularasa

•The Beatles – Sgt Pepper Lonely Hearts Club Band (un grandissimo disco sperimentale) 

beatles

•Lucio Battisti – Anima Latina (una gran disco italiano con un peso artistico notevole)

luciobattisti

•Smashing Pumpkins – Mellon Collie and the Infinite Sadness (la poesia degli anni ’90 fatti in musica)

smashing

•Verdena – Wow (un disco recente ma incredibilmente bello per gli anni odierni)

Verdena_Wow


•A quale film colleghereste la vostra musica? Più nello specifico: vedreste una o più delle vostre canzoni come colonne sonore di qualche film o qualche scena in particolare? Se si, quale?

Nell’ultimo album ci sono due canzoni strumentali che potrebbero essere una perfetta colonna sonora di qualche film. Io (Alessandro – batterista) le vedrei per una scena di un film in cui il protagonista osserva la terra dallo spazio provando compassione per noi esseri umani, che in fondo, molto probabilmente, non abbiamo capito nulla della nostra esistenza.


•Qual è il vostro rapporto con le altre forme d’arte?

A me (Alessandro – batterista) piacciono molto la pittura e l’architettura; potrei aggiungere che qualsiasi forma d’arte che mi arriva intimamente mi piace. In generale prediligo le opere “drammatiche”: quel tipo di arte contemporaneamente ti riempie il cuore e ti svuota lo stomaco.

Valerio ama il mondo del writing; la street art è un fenomeno culturale che lo attrae particolarmente;

Sandro come me è predisposto alla pittura ed in particolare all’architettura: da quando lo conosco, quando vede un’architettura che reputa particolarmente bella ha dei giramenti di testa…credo sia la famosa sindrome di Stendhal.

Izzi, anch’esso, predilige la pittura…d’altronde ha frequentato l’istituto d’arte.

airway


•Ci consigliereste un brano a cui siete particolarmente legati da postare come vostra “TRACK OF THE DAY”?

Andiamo su una citazione autobiografica: Faded Lights degli Airway.

E’ una canzone ormai distante anni luce da quello che siamo adesso ma è proprio per questo che ci piace. Ci ricorda cosa eravamo ed allo stesso tempo ci fa capire chi siamo adesso. E’ un inno al cambiamento: non bisogna avere paura di cambiare, semmai bisogna avere paura di rimanere sempre immobili e come dice il buon Sandro: “Il peggior augurio che puoi ricevere da una persona è: mi raccomando, non cambiare mai, rimani sempre così”.

Inoltre è la canzone da cui è partita la magia degli Airway.

SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: