TRACK OF THE DAY / THE REVOLUTION WILL NOT BE TELEVISED (1971).

22 July, 2015

Poesia? Spoken song? Soul? Jazz? O siamo dalle parti dell’ hip-hop, quello delle origini, quello carico di rabbia contestatrice e tematiche politiche sociali, ma con dieci anni d’anticipo. Non importa davvero, se ti chiami Gil Scott Heron. Se hai scritto un pezzo come The revolution will not be telivised: che e un po’ tutto, soul e jazzy, poesia e spoken song, ma anche rap. Avete davanti, insomma, uno di quei capolavori della cultura afro-americana raramente e difficilmente contestati: un po’ come il libro di poesie Due negri a Harlem di Langston Hughes o Il popolo del blues di Amira Baraka. Uno di quei personaggi davanti ai quali, se sei afro-americano – e non solo – non importa il genere di musica che produci -rap, jazz, soul, R&B-, abbassi la testa in segno di rispetto: perché lui, Gil Scott, l’avrà già fatto prima, l’avrà fatto meglio e l’avrà raccontato con parole più forti, con colori più vivi. Quindi godetevela, la nostra TRACK. Tirate un morso a un pezzo di storia.


” The revolution will not be televised, will not be televised,

will not be televised, will not be televised.

The revolution will be no re-run brothers;

The revolution will be live”.



 

SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: