D_B_D // Rebel Rebel & Resistance with ADAM BEYER, JOSHWA and More @ Warehouse, Roma (11-03)

11 March, 2016

Stasera robe grosse al Warehouse. Arriva il maestro svedese Adam Beyer che, insieme a Zerø, vi farà volare. Nello storage Asymptote, Innerflow, Joshwa.


 ADAM BEYER [ Drumcode / Swe ]

Schermata 2016-03-11 alle 14.42.04


La carriera di Adam Beyer inizia a Stoccolma; lavorava in uno dei più rinomati negozi di dischi della capitale svedese, Planet Rhythm, e nel mentre cominciò a muovere i primi passi nella scena techno della città. All’epoca Adam conobbe Carl Lekebusch, Joe Mull e Jesper Dahlback, con i quali condivideva e condivide la passione per la techno alternativa a quella in circolazione, più dinamica; ciò lo condusse alle prime sperimentazioni in fase di produzione.Secondo lo stesso Adam “Drumcodes 1” è la traccia che meglio definisce il suo stile duro, tutto improntato su percussioni e loop. Il singolo è stato poi seguito dal suo album di debutto, “Decoded”.
La necessità di avere una totale libertà creativa lo ha spinto a dar vita all’etichetta “Drumcode”, la quale ha riscosso da subito apprezzamenti sia dal pubblico che dalla critica.
Dopo svariate pubblicazioni Beyer lancia la seconda etichetta, la “Code Red”, concentrata perlopiù su una techno meno dura, ma sempre di altissima qualità. Le produzioni di Adam lo hanno reso celebre sin da subito, tant’è che è considerato come il catalizzatore della techno svedese.
Nel 2002 Beyer ha deciso di fondare ancora un’altra etichetta, la “Truesoul”, che concede più spazio ad una vasta gamma di influenze. La label è nata in seguito ad una discussione sul web con gli amici di Stoccolma ed il gruppo è stato fondato da Henrik Fagerberg. Il progetto Truesoul è influenzato da vent’anni di ascolti di musica elettronica. Lo stile privo di compromessi di Beyer lo ha condotto nell’arena internazionale della techno, facendone uno dei dj più apprezzati al mondo.


JOSHWA [ Safari / Ita ]

Immagine 5


Valerio Finardi aka Joshwa, nasce a Roma nel 1988. All’età di 14 anni inizia la sua attività di dj, esibendosi in alcuni club della capitale. Da quel momento inizia un percorso che lo porterà a suonare in alcuni dei principali club italiani e non solo: il Cocoricò di Riccione, il Red Zone di Perugia, il Warehouse di Roma, il Kalypso e l’Aquarius di Pag in Croazia e l’Affinity Senses in Messico. Suona al fianco di artisti come Nick Curly, Tania Vulcano, Joris Voorn (per citarne solo alcuni). Nel 2014, decide di avviare il progetto Joshwa e inizia a collaborare con la Yaiza Records e la Smiley Fingers records di Londra, dove la sua traccia Moody, dopo un successo inaspettato, viene inserita nella compilation del Sonar 2015.


ZERØ [ Rebel Rebel / It ]

Immagine 4

Animatore da anni della scena elettronica romana, Valerio Zerø Serranti, con la sua dub techno di matrice Detroit, riscalderà il pubblico con la profonda intensità di suono che caratterizza i suoi set.


INNERFLOW

12742315_999388876802371_4298404315014597817_n


Visionario, eclettico, multiforme, Michele Lotti aka Innerflow si fa strada dai primi anni zero nel mondo dell’elettronica romana con i suoi dj set che attraversano e sperimentano gli stili e le sfaccettature più diverse di questa musica. Passa nei migliori club della capitale, dal Warehouse, al Circolo degli Illuminati al Rashomon fino ad arrivare fuori regione al Cocoricò, al Prince e al Red Zone, partecipando anche a festival importanti come il Barrakud e l’Opera. Innerflow si muove fra visual e dj-set cercando sempre nuove e azzeccate combinazioni, preludio al suo album di debutto previsto per quest’anno.


ASYMPTOTE

Immagine 6


Pionieri di un concetto di resistenza, Gabriele e Corrado sono ormai una garanzia nel clubbing romano. Pistoni in console e mani alte in pista per il duo techno più determinato del momento.


SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: