RAINY DAYS – D#4 // Forever Pavot – live @ Av (8-11)

8 December, 2015

a cura di Pasquale De Prizio


Il mondo della musica può essere diviso in due grandi gruppi. Da un lato, i gruppi che creano nuova musica servendosi degli strumenti del passato; dall’altro, quelli che creano musica passata con gli strumenti dell’epoca, magari con la speranza di suonare come i Velvet Underground.
Forever Pavot, alias Emile Sornin, prima di intraprendere la carriera solista ha fatto parte degli Arun Tazieff, gruppo progressive-rock parigino, in seguito di una band harcore-punk ed infine è stato autore di cassette di psichedelia turca, folk e garage.


foreverpavot_astrid-karoual_604-tt-width-604-height-403-lazyload-0-crop-0-bgcolor-000000


Creare musica nuova con vecchi strumenti , o meglio fare qualcosa di bello con il vecchio , è l’ambizione di Forever Pavot . Et voilà le jeux sont fait: Ennio Morricone , Francis Lai e altri compositori di colonne sonore degli anni 60 hanno finalmente trovato il cantante che cercavano da una vita.
Forever Pavot dopo vari Ep e singoli, nel 2014 fa il suo debutto nel mondo dei nostalgici/appassionati del pop psichedelico con il primo album - Rhapsode - e come avrete capito la pietra angolare della sua musica sono le colonne sonore, in particolare italiane e francesi, degli anni 60 e 70. Oltre ad essere un abile polistrumentista è anche uno dei registi musicali più richiesti e trai video girati basta solo citare “Alt-J – Fitzpleasure” e “Disclosure – Grab Her”. Emile Sornin è tra i migliori talenti in circolazione, uno spettacolo da non perdere!



SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: