Track Of The Day // Continuum (2012)

15 April, 2016

In Trance 95 è una band greca che si è formata quando era ancora in piedi il muro di Berlino, il World Wide Web ancora non esisteva e le comunicazioni umane erano dominate dalle linee telefoniche e la posta ordinaria. Gli IT95 sono un gruppo elettronico fino al midollo e probabilmente il primo nel suo genere della penisola ellenica che ha preferito i synth alle chitarre. Alex Machairas e Nik Veliotis avevano rispettivamente 17 e 18 anni quando si sono incontrati per caso ad un concerto di Blaine Leslie Reininger, fondatore insieme Steven Brown dei Tuxedomoon.
Grazie a quel live scoprirono di condividere diverse passioni e l’indomani decisero di rivedersi per approfondire e cercare di dare sfogo all’interesse che più li accomunava: la musica elettronica. Entrambi possedevano piccoli sintetizzatori analogici e drum machine, ma non avevano ancora avuto l’occasione di sfruttarli a dovere.  Nik aveva a disposizione un seminterrato e ben presto fu insonorizzato e adibito in uno studio di registrazione. Sperimentare con i synth, le drum machine e i nastri divenne il passatempo di tutti i giorni; era il maggio del 1988 quando nacquero gli In Trance 95.


IT95


Il nome della band in parte prende spunto da un libro di fantascienza in cui si narrano le avventure di un intrepido viaggiatore che da un remoto futuro torna nel passato grazie ad uno stato definito di “trance”, ma il duo voleva che il loro nome contenesse anche un numero e così aggiunsero il civico di Via Lycourou dove era situata la loro base operativa. Terminati gli studi le giornate in studio cominciarono a farsi sempre più intese, il piccolo seminterrato venne ribattezzato “Airdawn”, perché di solito quando finivano le lunghe sessioni di registrazione il sole stava per sorgere e spesso, in quella primavera, il vento sembrava dargli una mano a rialzarsi. In quello studio prese vita gran parte del materiale della band, ma i singoli d’esordio “Desire To Desire” e “Brazilia”, la prima di Alex e l’altra di Nik, erano già state scritte prima che si incontrassero.



Alex e Nick, come dicevo poc’anzi, si sono conosciuti ad un concerto di uno dei membri dei Tuxedomoon, tuttavia non considerano la band di San Francisco tra quelle che hanno maggiormente influenzato il loro sound. Come dichiarato dai due, quando si formò il duo, tra i loro nastri preferiti svettavano i Kraftwerk, i primi Orchestral Manoeuvres, l’album Space Museum dei Solid Space, i Depeche Mode di Human League.
I due greci raccontano che prima che si conoscessero i loro ascolti erano duopolizzati dal post-punk e dalla new wave ed all’epoca la musica elettronica era considerata parte integrante di questi movimenti.


A quei tempi in Grecia non esisteva una scena elettronica nazionale,
non esistevano né band né label che si occupassero di questo genere.


Gli IT95 destreggiandosi con oscillatori, frequenze d’uscita e tastiere sono stati i primi ellenici a pubblicare un album di musica elettronica grazie alla Wipe Out! Records, casa discografica di Pireo che si occupava di punk e garage. Nonostante l’assenza di una vero e proprio movimento elettronico ellenico Alex e Nik col tempo riuscirono a guadagnarsi una piccola fetta di pubblico, soprattutto grazie alle partecipazioni ai festival.


IT95-duo


 La Grecia ha sempre sofferto sotto questo punto di vista; il synth-pop, la cold wave e la minimal wave  non avevano grande risonanza entro confini nazionali, tuttavia gli IT95 non hanno mai mirato a rientrare tra le band di punta del proprio paese, il loro obiettivo era quello di essere riconosciuti e far parte della più vasta e consolidata scena europea. Dopo aver inciso i primi brani cercarono di puntare dritto al cuore d’Europa e decisero e che avrebbero provato a valicare i confini nazionali con i videoclip.


Il video di Desire To Desire fu girato sempre nel 1988,
la direzione venne affidata a Roger Crook che aveva lavorato
al montaggio del film “L’uomo che cadde sulla terra”;


A quei tempi in Grecia non era stato fatto ancora nulla del genere, Alex e Nik si rivelarono ancora una volta dei pionieri. Il videoclip venne notato da MTv che lo inserì nella rotazione notturna, ma non era visibile ad Atene perché negli anni 80’ il canale, nella capitale greca, non era visibile in tarda notte, solo i greci del nord riuscivano a vederlo. MTv da subito mostrò grande interesse per gli IT95 e dopo aver inserito il video nel proprio palinsesto propose un’intervista al duo greco; furono presentanti come i Kraftwerk greci e venne mandato in onda il video di Brazilia, ma gli In Trance 95 non apprezzarono il modo di fare dei responsabili del canale e quella fu la loro unica partecipazione ai programmi dell’emittente statunitense.



 Tra l’88 ed il ’96 gli IT95 rilasciarono cinque pubblicazioni tra singoli ed Ep e dopo Overcast si sciolsero. Qualche anno dopo, grazie all’avvento di internet e al ritorno della minimal wave ad inizio millennio, i video e i brani del duo greco iniziarono a circolare su Youtube e man mano che l’hype lievitava il prezzo dei rarissimi vinili e cassette ancora in circolazione saliva alle stelle. Gli In Trance 95 iniziarono ad essere considerati come una band di culto e in seguito al clamore suscitato furono contatti ed ingaggiati dall’etichette statunitense Minimal Wave.
La label, interamente dedicata all’omonimo genere e alla musica degli anni ’80, propose agli IT95 di entrare a far parte della propria scuderia. Tra gli artisti prodotti dalla casa discografica spiccano Das Kabinette, Martin Dupont e Oppenheimer Analysis, tutte band che hanno segnato la storia del genere e che grazie al ritorno fiamma di fiamma di questo filone musicale hanno potuto godere di una seconda giovinezza.
Con la nuova etichetta Alex e Nick rilasciarono Cities Of Steel And Neon, del 2011,  una raccolta di brani risalenti al periodo 1988-89 e Shapes In A New Geometry, primo disco contente brani inediti dopo 16 anni.
Gli In Trance 95 colsero l’occasione al volo, s’era realizzato un sogno, finalmente era giunto il meritato riconoscimento che gli permise di  varcare la soglia che ancora li separava da coloro che  hanno fatto la storia della minimal wave.

Nemo propheta in patria.

BONUS TRACK

dal minuto 31.29 fino a 36.41 Anciet Methods regala agli In Trance 95 il remix di Continuum


 

SECONDO NOI TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: